Come coltivare Canapa Industriale in Friuli Venezia Giulia

preparazioni del terreno

Preparate il terreno effettuando una leggera aratura, arando a 20 cm, e successivamente un’erpicatura; abbiate cura di lasciare il terreno soffice e se necessario effettuate una fresatura finale prima di procedere con la semina.

La concimazione è a vostra discrezione, giudicate voi stessi se il vostro terreno è povero di fosforo e se necessita di un ulteriore apporto di azoto, in questo caso le dosi consigliate sono di 100 kg/ha, poichè l’asporto medio di azoto è pari a 50-70 kg/ha di P2O5 e K2O. Per le colture Bio potete procedere con stallatico o compost, oppure con una “falsa semina”

FALSA SEMINA: procedura che consiste nella preparazione del letto di semina come d’abitudine, una successiva irrigazione, a cui però non segue la semina effettiva. Questo processo permette la stimolazione e quindi la germinazione delle piante infestanti presenti sul terreno, che potete facilmente eliminare con una operazione di erpicatura.

Il periodo di semina va da fine Febbraio a Maggio, dipende dalla zona in cui vi trovate e quindi le condizioni dalle condizioni climatiche della vostra area.

Considerate che la germinazione avviene quando la temperatura del terreno è intorno ai 8°-10°C ; le giovani piantine non temono le gelate tardive, solitamente una volta che la vostra canapa è spuntata potete stare tranquilli.  

Se la germinazione è consentita dalle condizioni climatiche, é possibile la semina in secondo raccolto (dopo il grano).

La scelta del periodo di semina deve anche tener conto della varietà di seme che andrete a piantare e quindi del raccolto finale che volete ottenere.

Le varietà oggi disponibili si dividono in due categorie:

DIOICHE: Carmagnola, CS, Fibranova, Tiborszallasi fanno parte di questa categoria: più indicate per coltivazioni destinate alla raccolta degli steli, per ottenerne fibra e canapulo, biomassa cellolosica; possono raggiungere ¾ mt di altezza e vanno seminate preferibilmente a marzo-aprile. Le varietà dioiche generano sia piante maschili che femminili; le prime dopo la fioritura muoiono e seccano, le femminili, che rappresentano circa i 2/3 della coltura, portano a maturazione i semi.

MONOICHE: Futura, Felina, KC Dora, Monoica, Uso 31 fanno parte di quest’altra; presentano sia i gameti maschili che quelli femminili, quindi sono più adatte a colture da seme e possono essere piantate anche a maggio, cosicché lo stelo non si irrobustisca troppo e si rischi di perdere parte dei semi durante la trebbiatura.

Macchinari: seminatrice da grano,

interlinea: 15/20 centimetri tra le file,

profondità: 1,5/2 cm,

distanza del seme sulla fila: 3-5 cm.

  • Quantità seme: 35/40 kg/ha (18-22 gr. peso di 1000 semi)
  • Densità: 80-100 piante m2

Info semina:
Densita – 180 piante per m/quadrato circa

 

ESEMPIO MEDIO FRIULI CON SEME  Uso31:
       dimensioni semi

       lunghezza 3-4mm
       larghezza 2-3 mm

Preparazione terreno:

ARATURA a circa 30/40cm di profondità quando non c’è troppa acqua nel terreno, attendere qualche giorno dopo la pioggia.

ERPICATURA attendere qualche giorno dopo l’aratura così se nasce qualche piantina viene distrutta, eseguirla pochi giorni prima della semina, massimo una settimana, oppure usare un erbicida per uccidere le possibili piantine infestanti che nascono con la movimentazione del terreno.

CONCIMAZIONE in concomitanza con la semina, di solito la seminatrice ha delle tramogge per poter inserire il concime, una volta veniva utilizzato il complesso 82424 ora forse ha altri nomi, comunque formato da 8 parti di azoto, 2 fosforo e 2 di potassio, necessari circa 100kg/ha

 

La crescita

Non dovrebbero esserci problemi di infestanti, poiché la canapa è un erbacea robusta, che soffoca le altre infestanti, questo porta grande vantaggio nelle seguenti culture, durante le quali l’impiego di diserbarti sarà molto ridotto o addirittura eliminato.

L’irrigazione in alcune zone d’Italia non è necessaria, in altre più calde e secche si, comunque con il solstizio di Giugno l’accrescimento della pianta cessa.

L’accrescimento della pianta cessa di solstizio di Giugno, quando il periodo di luce diurna comincia a diminuire, con qualche differenza a seconda delle varietà impiegate.

Come abbiamo già detto la pianta piu’ raggiungere altezze considerevoli e lo stelo circa 1 cm di diametro; le foglie e le infiorescenze si troveranno nel terzo superiore dello stelo. La fioritura avviene solitamente nel mese di Luglio e comunque con temperature superiori a 20°C.

 Il raccolto

se si coltiva per biomassa: 10 gg dopo la fine della fioritura, quindi tendenzialmente ad agosto.

Se si coltiva per seme: bisogna attendere la maturazione del seme, la quale è a scalare, quindi il periodo puo’ variare, dagli inizi di settembre agli inizi di ottobre. Quando i semi maturano,cadono al suolo. Sullo stelo troveremo dunque semi già maturi ed altri ancora coperti dalla brattea verde.

In una fase intermedia è consigliabile procedere con la mieti-trebbiatura, cercando di non scuotere troppo le cime, per non perdere il seme maturo, e trebbiando al contempo in maniera da recuperare anche il seme poco maturo, liberandolo dall’infiorescenza.

Dopo la trebbiatura si dovrà comunque falciare o trincare gli steli rimasti sul campo.

Posizionamento Geografico Friuli Venezia Giulia